Crea sito

T2 a fine anno cambia tutto

 

In televisione si sente tanto parlare del DVB-T2, il nuovo sistema di trasmissione digitale terrestre di seconda generazione che a breve arriverà nelle nostre abitazioni.

Ma cos’è questo T2 e cosa comporterà per noi?

Era il Luglio 2012 quando finalmente fu completato il passaggio dalle reti di trasmissione Tv analogiche a quelle digitali, con non poche difficolta per noi poveri cittadini che ci siamo trovati a dover sostituire i televisori di non ultima generazione o a dover acquistare decoder esterni.

Ebbene! A soli 8 anni di distanza si rivoluziona nuovamente tutto.

Quello che avrà inizio con la fine del 2020 sarà un nuovo passaggio ad una tecnologia di digitale più avanzata e maggiormente ottimizzata per le trasmissioni in 4K. Ma non solo!!! Questa riorganizzazione delle trasmissioni permetterà inoltre di liberare frequenze e lasciare spazio al controverso sistema a banda larga 5G.

Dal  gennaio 2021 inizieranno quindi a disattivarsi molti trasmettitori di prima generazione e da quel momento in poi, tutti i dispositivi non compatibili con il nuovo standard, non saranno più in grado di ricevere tutti i canali TV ma solo una piccola parte. Entro luglio 2022 tutti i segnali di prima generazione saranno spenti ed il passaggio al T2 sarà finalmente completo.

Al seguente link potrete visualizzare la road map delle date ufficiali di transizione nelle varie zone nazionali.

Come faccio a sapere se il mio televisore è compatibile?

Dal 1° gennaio 2017 in Italia è entrato in vigore l’obbligo di vendere esclusivamente televisori T2.
Se avete acquistato un televisore in una data successiva a questa, potete quindi stare tranquilli, il vostro televisore è perfettamente compatibile.

Ovviamente, la diffusione dei dispositivi DVB-TV è iniziata ben prima del gennaio 2017, cosi da evitare rimanenze di dispositivi non compatibili nei magazzini, allo scattare della scadenza imposta.
Quindi non rassegnatevi subito, il vostro apparecchio potrebbe esse comunque compatibile e per verificarlo è sufficiente provare a sintonizzarsi su un paio di canali.

Verifica compatibilità T2

Verificare la compatibilità del vostro apparecchio è estremamente semplice, veloce e non richiede l’intervento di alcun tecnico.
Per farlo sarà sufficiente accendere il vostro televisore, sintonizzarlo sul canale 100 o 200.

Se riceverete un messaggio di errore, non troverete i canali o vedrete lo schermo nero allora, purtroppo per voi, il dispositivo non è compatibile.

Se invece visualizzerete un’immagine o la scritta “Test HEVC Main10” allora tranquilli, il vostro dispositivo è perfettamente compatibile e non dovrete fare nulla.test T2

Cosa fare se non sono compatibile?

Se il vostro dispositivo non è compatibile avete due possibili strade da percorrere.

  • Sostituire il televisore

    Se disponete di un vecchio televisore, magari già adattato con un decoder o che comunque ha fatto già il suo, la cosa migliore che potete fare è sostituirlo con un televisore nuovo, che sarà gia compatibile di fabbrica.
    Oltre ad avere un televisore con qualità video migliore, non avrete inoltre bisogno di un secondo telecomando per gestire il decoder.

  • Acquistare un decoder

    Può anche capitare di essere soddisfatti della qualità del vostro televisore, magari uno dei primi full HD o magari avete un secondo televisore che non volete sostituire. In questi casi, con una spesa tra i 25 e i 50 euro, potete acquistare un decoder esterno che vi permetterà di rendere compatibile il vostro televisore.
    Ovviamente questa scelta comporterà l’utilizzo di due telecomandi; uno per accendere il televisore e spesso per regolare un volume base, mentre il secondo per gestire il decoder.
    Se inoltre avete problemi di qualità del segnale, acquistare un decoder esterno è certamente la soluzione migliore. Infatti la maggiore potenza dell’apparecchio, rispetto a quella esigua di un televisore, permette di ridurre al minimo e spesso eliminare completamente i disturbi di segnale.
    Se volete qualche consiglio su come scegliere il decoder adatto alle vostre esigenze consultate anche “Come scegliere il decoder digitale terrestre giusto“.

Ho parlato di due soluzioni ma in realtà ne esiste anche una terza, cioè lo SkyQ. Sky ha infatti deciso di integrare all’interno dei sui decoder satellitari Sky Q un ingresso TV per il digitale terrestre di ultima generazione, così da poter amalgamare nelle propri liste canali anche quelli del digitale.
Se siete in possesso in un decoder Sky Q potrete quindi collegarlo all’antenna TV ed utilizzarlo con un decoder terrestre esterno e sfruttare un unico apparecchio per la visione di entrambe le piattaforme.

Per maggiori chiarimenti potete anche consultare il sito ufficiale del Ministero dello Sviluppo Economico.

ilwebgratis

ilwebgratis

Il tuo tecnico a portata di click...